capodannoterni.com - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno a Terni e provincia

Come e dove festeggiare il capodanno ad Amelia

Cerca i migliori hotel, locali, veglioni, discoteche, ristoranti, per passare il capodanno ad Amelia

Amelia è un comune che si trova della provincia di Terni, sviluppatosi attorno a una antica collina nota ai romani come Ameria. La città si trova nella parte sud dell'Umbria, su una collina che domina il fiume Tevere a estcapodanno a Amelia e il fiume Nera a ovest.


Secondo alcuni studiosi, Amelia è la più antica città dell'Umbria. E’ stata presumibilmente fondata da un leggendario re umbro, re Ameroe, che ha dato alla città il nome di Ameria. Catone il Vecchio disse che Ameria venne fondata 963 anni prima della guerra con Perseo, quindi nel 1134 aC, anche se questa data non può essere considerata accurata. La città fu poi occupata dagli Etruschi e più tardi ancora dai romani. Ameria occupava una posizione strategica nella Seconda guerra latina, dato che si trovava su un lato della Via Cassia chiamato “Via Amerina”.


Nel Medioevo, Amelia ha attraversato dei problemi politici comuni ad altre città umbre, delle lotte che lo hanno visto emergere come un comune indipendente e poi come città sotto il controllo di una serie di potenti famiglie.
Il modo migliore per venire a visitare la città è con le offerte Capodanno ad Amelia proposte da hotel Capodanno ad Amelia e da Capodanno ad Amelia agriturismi, in maniera da avere un appoggio per andare alla scoperta della città e non spendere eccessivamente tanto.


Il Capodanno ad Amelia in piazza e le discoteche Capodanno ad Amelia sono, invece, le scelte fatte da giovani e meno giovani per festeggiare la notte del 31 dicembre, mentre per il cenone Capodanno ad Amelia, nel centro della città ci sono tanti ristoranti Capodanno ad Amelia che preparano piatti tipici come da tradizione.
Tra le principali attrazioni vediamo le mura cittadine, che potrebbero risalire al primi giorni di vita della città. I romani hanno lasciato delle belle tracce della loro occupazione, compreso un complesso di dieci cisterne sotterranee costruito nel 1 ° secolo dC che raccoglieva l'acqua piovana per alimentare l'approvvigionamento idrico della città.

publisher
back to top